Plateforme STELLA MARE | UMS3514 - CNRS / Università di Corsica
Ricerca è Sviluppu  | Prugrammi
A lapara gigante
 

A LAPARA GIGANTE


Rispunsevule :

Jean-José Filippi

Uggettivi

Elaburazione d’un protucollu pè a ripruduzzione di a Patella ferruginea in u laburatoriu.

Descrizione

A lapara gigante hè un mulluscu marinu chì pò avè un diametru di 11 cm. Campa duve battenu i marosuli. Hé una spezia prutetta è a so pesca hè pruibita. Nanzu si truvava in tuttu u Mediterraniu uccidentale. Oghje ùn si trova più nant’à e coste francese cuntinentali; si trova solu in Corsica, Sardegna, Tunisia, Spagna è Algeria. Quasi in ogni locu, u so numaru hè assai debbule. A lapara gigante si nutrisce d’urganismi fissi ch’ella trova nant’à i scogli, suprattuttu cyanobatteri, alghe muriccie (Ralfsia verrucosa) è alghe rosse (Rissoella sp). E lapare sò ermafruditi proterandri. A fecundazione hè esterna. I gameti masci è femini sò cappiati in l’acqua induve s’imbuleghjanu à l’incerta. L’ove cusì furmate danu nascità à larve veligere di u rubu chì, dopu à a metamorfosa, s’appiccicanu à i scogli.

Azzione da mette in anda :

Elaburazione d’un prutucollu di ripruduzzione di a Patella ferruginea (Gmellin, 1791). Issu travagliu hè un passu indispensevule à l’elaburazione d’un mezu di ristoru eculogicu di a diffusione d’issa spezia in u Mediterraniu. Stabulazione di i genitori : e vasche anu da esse furnimintate d’un dispusitivu pè produce cavallate. Isse tappe sò da sviluppà :

 
  • Stimulazione di a ripruduzzione
  • Fecundazione
  • Cuntera di l’ove
  • Incubazione
  • Sviluppu di e larve sinu à a metamorfosa
  • Nutrimentu di e larve è di u nuvellame:

Circaremu un cibu naturale dispunibule in Corsica pè u nutrimentu di e lapare chì possa risponde à i bisogni qualitativi è quantitativi di u nuvellame è di i maiò. Pruvaremu a colta di fouling in laguna è in largu nant’à strutture artifiziale. L’oggettivu hè di definisce un prugrammu di nutrimentu di e larve di nuvellame è di i maiò cù risorse di u locu.

Page mise à jour le 27/11/2018 par JEAN-CHARLES LORENZINI